Home Blog Assortimento prodotti per incontinenza: 10 consigli per scegliere quali mettere a scaffale

Assortimento prodotti per incontinenza: 10 consigli per scegliere quali mettere a scaffale

[fa icon="calendar"] / di

Quanto spazio occupano i prodotti per l’incontinenza nei tuoi punti vendita?

La scelta degli assorbenti per incontinenza da mettere a scaffale da parte dei buyer o di chi si occupa in generale di scegliere gli articoli che saranno rivenduti presso i punti vendita è determinata da molteplici aspetti.

assortimento prodotti incontinenza da mettere a scaffale.jpg

 

In primis le trasformazioni demografiche e sociali, caratterizzate dall’accelerazione del processo di invecchiamento della popolazione: si vive sempre più a lungo ma rimane bassa la propensione ad avere figli e l’età media della popolazione aumenta di conseguenza.

Insomma, cresce il numero degli anziani e cresce la richiesta di prodotti per le patologie e condizioni di salute legate all’età.

 

Prodotti per incontinenza: un mercato in crescita

 

Abbiamo già parlato di come la trasformazione demografica ha portato a far sì che la domanda di pannoloni per adulti superasse quella dei pannolini per neonati.

Quindi, tenere sempre di più in considerazione le esigenze di una categoria di persone in aumento è una scelta alquanto saggia.

Chi soffre di incontinenza sa bene che i prodotti di protezione e assorbimento sono dei preziosi alleati per vivere con più serenità la vita quotidiana, e che non sono tutti uguali.

Infatti le grandi aziende produttrici dispongono di un’ampia gamma di assorbenti per l’incontinenza, diversi per tipologia e misura, destinati a soddisfare i bisogni specifici di ogni persona.

Le caratteristiche qualitative che caratterizzano i diversi prodotti, infatti, è uno dei criteri principali che indirizzano la scelta del consumatore.

 

Pannoloni di qualità per incontinenza : le caratteristiche secondo i consumatori

 

  • L’assorbenza, cioè la capacità e la velocità di assorbimento dei liquidi, è uno dei principali fattori di scelta. La capacità di assorbimento va di pari passo con il livello di incontinenza, oppure  con quella parte delle 24 ore in cui il pannolone deve essere portato: se di giorno o di notte (quando cioè si tende a cambiare il dispositivo il meno possibile). La velocità di assorbimento invece permette di allontanare il liquido il più velocemente possibile dalla pelle dal paziente, diminuendo così la sensazione di disagio.

 

  • Il rilascio. È un altro fattore chiave per la scelta. Comporta la capacità da parte di un pannolone di trattenere i liquidi assorbiti, permettendo quindi alla pelle di rimanere il più asciutta possibile. Il rilascio, di per sé un fattore negativo, dipende da una quantità più o meno sufficiente di polimeri super-assorbenti all'interno del pannolone, ma che sempre deve essere adeguata alla quantità di perdite del paziente, e deve prendere in considerazione la posizione del paziente: se deambulante, su sedia a rotelle o costretto a letto. Queste tre posizioni sono ordinate in senso crescente ad una maggiore quantità di polimeri, a causa della pressione che il corpo esercita sul dispositivo. Il polimero infatti, assorbe il liquido e lo trattiene al suo interno anche se sottoposto a pressione. Un prodotto per l’incontinenza di qualità deve garantire la massima sicurezza contro le fuoriuscite.

 

  • La vestibilità. Sebbene sia difficile sentirsi a proprio agio quando si soffre di sintomi di incontinenza, alcuni dispositivi hanno un livello più elevato di indossabilità grazie a forme ergonomiche, e le linee più discrete.

 

  • La traspirabilità e il comfort. Un prodotto di qualità garantisce un più alto livello di traspirabilità, prevenendo l’insorgere di allergie ed irritazioni cutanee. Indossare i prodotti giusti aiuta le persone anche a sentirsi più a loro agio nel loro quotidiano, soprattutto quando sono in pubblico. 

 

  • Controllo degli odori. I buoni prodotti per l’incontinenza devono assicurare la massima discrezione eliminando i possibili odori sgradevoli causati dalle perdite. Non pensiamo che le persone anziane o comunque meno reattive o con livelli bassi di demenza non sappiano della presenza di cattivi odori.

 

  • Indicatore di umidità. Facilita la verifica dello stato del pannolone, consentendo all’operatore, al caregiver, all’infermiere o a chiunque si occupi di una persona che soffre di incontinenza di sapere quando è il momento di cambiare il dispositivo assorbente, per avvenuta saturazione. Infatti l'indicatore di umidità, posto sul retro, è una stampa che sbiadisce man mano che si avvicina la saturazione: quando la scritta diventa illeggibile è il momento di cambiare il pannolone.

 

 

Altri fattori da considerare nella scelta dei pannoloni: fornitore e prezzo

 

Tenere in considerazione i bisogni e le esigenze dei consumatori permette di scegliere i prodotti giusti da mettere nello scaffale.

Tuttavia, ci sono altri importanti fattori da valutare che vanno dalla redditività alla riconoscibilità del marchio come:

 

  • Il livello di qualità. Deve essere certificata e garantita nel rispetto di rigorosi controlli sui materiali utilizzati, sulle procedure di lavorazione e il rispetto dell'ambinte.

 

  • Il prezzo: È essenziale avere il margine necessario a garantire prodotti che allo stesso tempo siano economicamente competitivi e dallo standard qualitativo alto.

 

  • Il packaging. Quando si parla di packaging si parla sia di volume della confezione che incide sullo spazio fisico occupato nello scaffale, sia in riferimento alla varietà dell’offerta, quindi alla disponibilità di formati diversi di un determinato prodotto e pezzi per confezione. Inoltre la descrizione del prodotto e le istruzioni chiare sul sacchetto devono accompagnare il paziente all'uso del prodotto.

 

  • ...e la sua grafica: la riconoscibilità del prodotto. La grafica, quindi un packaging ben progettato, facilita il consumatore nell'orientarsi alla scelta del prodotto perché si rivela utile per identificare in modo veloce a chi è destinato. Inoltre, in un secondo momento, una grafica adeguata stampata sul retro del dispositivo, facilita il lavoro di operatori sanitari nell’indentificare con prontezza il tipo di prodotto da utilizzare sul paziente: infatti esso, tolto ormai dal sacchetto, è impilato nello scaffale dell'ospedale o della casa di riposo e deve essere distinguibile al primo colpo d'occhio.

 

Il consiglio è quindi quello di mettersi nelle mani di un partner affidabile e competente, in grado di garantire una produzione di elevato livello qualitativo e di soddisfare i bisogni dell’utente finale.

Un partner con un sistema aziendale che possa garantire tempi di consegna veloci e certi, un sevizio post vendita efficiente, capace di offrire consulenza sull’ottimizzazione e l’assortimento dei prodotti.

 

Richiedi consulenza gratis per vendere prodotti per incontinenza

Categorie: Mercato incontinenza

Cristian Ferro

Scritto da Cristian Ferro

Responsabile Commerciale, rappresento Santex nei mercati dell'Est Europa.

    
 

Iscriviti per aggiornamenti per email