Home Blog Prendersi cura della persona incontinente: 4 consigli per affrontare al meglio la situazione

Prendersi cura della persona incontinente: 4 consigli per affrontare al meglio la situazione

[fa icon="calendar"] / di

La cura della persona che soffre di incontinenza urinaria o fecale prevede innanzitutto molto tatto: l'utente che ne soffre richiede la costante attenzione all'igiene personale, degli ausili per incontinenza e dell'ambiente. 

Non è semplice essere a conoscenza di tutte le possibilità che favoriscono la riabilitazione o evitano l’aggravamento dell’incontinenza, e rivolgersi a figure esperte per ricevere suggerimenti e counselling adeguato può incrementare il benessere dell’utente e agevolare l'opera del caregiver.

Il primo passo da compiere per chi segue il paziente incontinente consiste nel comprendere le sue esigenze e quanto questa condizione crei in chi la vive profondo disagio.

Gestire l’incontinente non è facile, ma mantenere un atteggiamento di rispetto ed empatia porta beneficio e diminuisce il senso di imbarazzo che il nostro caro o l’assistito possono provare: li aiuteremo così a recuperare fiducia in se stessi e in chi gli sta vicino, evitando situazioni in cui i vari “incidenti” dovuti all’incontinenza vengono tenuti nascosti per vergogna o senso di colpa.

 

4 accorgimenti per facilitare l'ausilio dell'incontinente

I passi successivi sono legati all’organizzazione dell’ambiente e all’utilizzo di ausili appropriati rispetto alla situazione della persona incontinente seguita, affinché essa possa conservare il più possibile uno stile di vita autonomo.

 

1) Possibilità di raggiungere con facilità il bagno: se l’utente riesce ancora ad andare al bagno autonomamente, è fondamentale aiutarlo predisponendo gli spazi della casa per un facile accesso alla toilette.

Questo cosa vuol dire?

- Avere la camera da letto vicina al bagno agevola, soprattutto di notte, a raggiungere in tempo il bagno. Lasciare una piccola luce accesa è un altro accorgimento che serve a facilitare gli spostamenti.

- Per rendere il water più accessibile si possono installare delle maniglie di sostegno e una seduta rialzata.

- Pappagallo e padella sono ottimi strumenti se si assiste una persona allettata e le si vuole lasciare una certa autonomia. Essi rappresentano un valido supporto anche in progetti di riabilitazione alla continenza.

 

2) Fornire a letto e poltrone di protezioni: nonostante tutte le attenzioni messe in atto, può capitare accidentalmente che si verifichino episodi di fuoriuscite di urina. Una risposta a tutto questo è data dall’utilizzo di traverse salvamaterasso come protezione; le traverse vengono disposte sul letto dell’assistito oppure su sedie o poltrone con lo scopo di dare sicurezza e tranquillità dal pensiero costante di poter bagnare.

 

3) Scegliere e utilizzare degli strumenti validi per l'incontinenza: i diversi tipi di pannoloni disponibili variano molto fra loro per assorbenza, vestibilità e altre caratteristiche; individuare il giusto ausilio vuol dire soddisfare la necessità di avere l’assorbenza adeguata alla tipologia di incontinenza rispettando al tempo stesso l’esigenza di comfort e discrezione, soprattutto negli utenti autonomi che vogliono mantenere una vita sociale e di relazione.

Gli ausili per incontinenza appartengono in genere a quattro tipologie:

  • Pannoloni Pants
  • Pannoloni Anatomici Sagomati
  • Pannoloni a Mutandina
  • Pannoloni a Cintura

Compresa la varietà di soluzioni e ausili che abbiamo a disposizione, è importante conoscere come gestire il pannolone.

Cambiare o far indossare un pannolone può risultare una procedura difficile da eseguire, soprattutto quando si ha poca esperienza.

Puoi leggere i nostri consigli per far indossare un pannolone ad una persona in posizione sdraiata nel nostro precedente articolo: Come cambiare un pannolone: consigli da seguire o guardare i nostri video tutorial.

     

4) Assicurare un’igiene adeguata: urina e feci possono danneggiare la cute causando arrossamenti, irritazione e dolore. Per questa ragione è importante seguire alcune pratiche per evitare spiacevoli inconvenienti:

  • Mantenere la cute pulita e asciutta
  • Utilizzare prodotti non aggressivi e che rispettano il pH fisiologico
  • Asciugare completamente la cute dopo l’igiene intima, tamponando e non frizionando rischiando di danneggiarla
  • Cambiare gli ausili quando saturi, per evitare di creare ambienti umidi dannosi per la cute della persona

 

 Ebook Gratis - 23 Consigli se soffri di incontinenza

 

Categorie: Mercato incontinenza

Redazione

Scritto da Redazione

Santex è da ormai 50 anni un punto di riferimento nel settore e, per quanto riguarda la medicazione, l’unica azienda che produca interamente in Italia.

    
Vai allo Store Santex

Ricevi gli aggiornamenti del blog via email

Articoli recenti