Home Blog Santex, l’azienda e le persone che la compongono: Michele Farina, Export Manager

Santex, l’azienda e le persone che la compongono: Michele Farina, Export Manager

[fa icon="calendar"] / di

Ogni azienda ha la propria storia, la propria identità, la propria visione. Quelle di Santex? Ce la facciamo raccontare dalle persone che ogni giorno contribuiscono, con il loro lavoro, a realizzale.

Abbiamo intervistato Michele Farina, Export Manager di Santex. Ci ha spiegato come sta evolvendo il mercato dei prodotti per incontinenza nel mondo. Cresce la vendita di prodotti sia nei mercati più maturi, quelli occidentali, che in quelli in via di sviluppo, anche se in modo diverso.

santex-interviste-export.jpg

 

Può descriverci brevemente di cosa si occupa in azienda?

Per Santex mi occupo dello sviluppo e della gestione dei mercati esteri, in particolare nel settore dei dispositivi medici per persone incontinenti: pannoloni e traverse usa e getta.

Mercati maturi e mercati in crescita: quali sono le differenti esigenze nella domanda di prodotti nei diversi mercati?

In generale e per quanto riguarda l’incontinenza, tutti i mercati sono in crescita.

I mercati maturi, vale a dire con un tessuto industriale e welfare molto sviluppato, crescono a causa dell’invecchiamento della popolazione.  In questi paesi, è richiesto un livello qualitativo molto alto. I grandi acquirenti vogliono essere certi che i fabbricanti producano seguendo standard e normative sempre più numerose e sofisticate, che vanno dal sistema qualità organizzativo e di prodotto, alla sicurezza, all’etica sul lavoro alla salvaguardia dell’ambiente. Siccome l’offerta del prodotto è molto alta, la domanda tende ad abbassare i prezzi. Di conseguenza i fabbricanti devono investire molto in tecnologie che abbassino i costi aumentando la produttività.

Nei paesi in via di sviluppo la domanda aumenta per il fatto stesso che sono in via di sviluppo: la ricchezza pro capite (la classe media) cresce e quindi anche l’interesse per prodotti che prima non esistevano e che, in alcune realtà, sono tuttora poco presenti. L’utilizzo di questi prodotti comporta anche un cambio di sensibilità e la vergogna di acquistarli diminuisce pian piano. Si passa dall’importazione “a singhiozzo” di prodotti di seconda scelta, ad una più continuativa, spesso di prodotti cinesi o di altri paesi che praticano prezzi generalmente più bassi. Aumentando il welfare, aumenta anche l’esigenza di qualità che alcuni fabbricanti europei intendono intercettare agendo direttamente su quei mercati.

 

Si dice che presto si venderanno più pannoloni che pannolini… Come sarà il mercato globale dei prodotti per incontinenza tra 10 e più anni?

È evidente che in occidente il trend sarà di un aumento continuo della popolazione anziana e con patologie croniche, tra cui anche l’incontinenza, cosa di cui il sistema di welfare di questa parte del mondo si sta già rendendo conto. Si può prospettare un aumento notevole di chi farà uso di questi o altri dispositivi medici e senz’altro se ne consumeranno di più rispetto ai pannolini.

Il consumo dei paesi in via di sviluppo aumenterà ancora perché avranno più famigliarità con il prodotto e il suo utilizzo sarà sempre più usuale. In molti paesi ad elevata natalità, come i paesi africani, molte donne soffrono di piccola incontinenza e piano piano stanno imparando a proteggersi con piccoli pannolini sagomati.

 

Cosa significa lavorare in Santex per lei?

Lavorare in Santex è stata una sfida sin dal primo momento perché le esportazioni erano poco sviluppate, il mondo vasto ed in gran parte commercialmente inesplorato da Santex, la concorrenza molto agguerrita, i clienti molto esigenti. C’era un gap organizzativo da colmare per poter seguire adeguatamente i mercati esteri ma i diversi settori aziendali, non solo il commerciale estero, stanno rispondendo a questa sfida in modo sempre più adeguato. Sento di lavorare in una squadra che si muove per raggiungere all’unisono un risultato importante.

Negli ultimi anni la famiglia alla guida di questa azienda sta facendo investimenti tecnologici, industriali ed organizzativi importanti e vedo con soddisfazione che mi danno fiducia.

 

Qual è stato il progetto o la sfida che più l'ha appassionata?

Non parlerei al passato, ma sempre al presente. Per parlare al passato del mio lavoro ci sarà, forse, la pensione. La sfida più appassionante è quella di venire riconosciuto come fornitore prestigioso nei paesi più esigenti. Al tempo stesso mi piace entrare in quei mercati dove pochi entrano e farlo in modo strutturato e organizzato. Mi piace essere un pioniere.

 

Richiedi consulenza gratis per vendere prodotti per incontinenza

Categorie: Mercato incontinenza

Redazione

Scritto da Redazione

Santex è da ormai 50 anni un punto di riferimento nel settore e, per quanto riguarda la medicazione, l’unica azienda che produca interamente in Italia.

    
Vai allo Store Santex

Ricevi gli aggiornamenti del blog via email

Articoli recenti