Home Blog Vademecum per gestire l’incontinenza in viaggio.

Vademecum per gestire l’incontinenza in viaggio.

[fa icon="calendar"] / di

144223__aircraft-airliner-flight-sky-clouds-sunset_p.jpg

 

Essere incontinenti non significa rinunciare a viaggiare. L’importante, raccomandano gli esperti, è seguire alcuni accorgimenti utili ad  affrontare vacanze serene, tenendo sotto controllo l’incontinenza e i disagi psico-fisici che causa. 

 

Abbiamo proposto un piccolo Vademecum utile a gestire l’incontinenza urinaria in estate, che affronta le problematiche legate al caldo stagionale (un esempio su tutti, il rischio di cattivi odori enfatizzato da calura e sudorazione) e il Vademecum per gestire l'incontinenza urinaria al lavoro. In questa occasione tratteremo un aspetto particolare, ovvero come l’incontinente deve comportarsi in caso di viaggi, quali precauzioni prendere per non trovarsi mai impreparato e, soprattutto, godersi le vacanze estive totalmente a proprio agio.

Consigli e accorgimenti indicati, anche in questo caso, dalla SIUD - Società Italiana ci Urodinamica e da esperti di urologia italiani e a livello mondiale che sanno bene che per gli oltre 5 milioni di italiani che convivono con l’incontinenza essere lontani da casa, per un periodo di tempo prolungato, è causa di preoccupazioni e disagi. Ecco allora cosa fare.

 

Incontinenza in viaggio: consigli

1. AUSILI: FA’ LA GIUSTA SCELTA. E RICORDA LA PREVIDENZA

- optare ausili più contenitivi rispetto a quelli utilizzati di norma, limitando i disguidi dovuti al non avere sempre immediata la possibilità di cambiarsi;
- riporre gli ausili in differenti borse e valige diverse, in modo da averli a disposizione anche in caso di smarrimento di un bagaglio.


2. QUALCHE TRUCCO PRATICO “ON THE ROAD”

In alcuni casi bastano piccoli accorgimenti per migliorare la qualità di una vacanza, permettendo viaggi sereni, al riparo da malesseri psico-emotivi dovuti a difficoltà pratiche evitabili o comunque contenibili.
- svuotare la vescica prima di mettersi in auto o prendere treni e aerei. Può sembrare scontato, ma è sempre bene ricordarlo;
- evitare, in particolare poco prima della partenza, i cibi e le bevande “no” indicati nella 1° parte del Vademecum: caffè, te, alcolici, cibi piccanti;
- se si viaggia con mezzi pubblici (corriere, treni, aeroplani, ecc.), preferire un posto il più vicino possibile al bagno;
- se è prevista una tabella di marcia con particolari tempistiche (es. voli da prendere, scali da fare, check-in in albergo…), partire anticipatamente in modo da tenersi il tempo necessario per poter effettuare le soste necessarie.

 

3. IL BAGAGLIO INTELLIGENTE

Più che come una valigia, va vista come un kit viaggio utile a garantire il massimo godimento della vacanza, malgrado eventuali intoppi sul percorso. Il kit “di sopravvivenza ”comprende, oltre agli ausili per la continenza:
- salviette intime. Con il caldo sono infatti consigliati lavaggi più frequenti, per contrastare il prolificare di batteri che peggiorano lo stato di incontinenza (favoriscono lo sviluppo della flora batterica). Le salviette sono quindi un’alternativa indispensabile per chi è in viaggio. Ma attenzione a scegliere salviette intime specifiche per adulti che abbiano la minor percentuale di acqua possibile come componente, per evitare situazioni di pelle umida che porta ad arrossamenti e lesioni. Quindi è bene scegliere un prodotto specifico benchè costa di più rispetto ai soliti prodotti da banco, con la consapevolezza di aver acquistato un prodotto ottimale;
- gel igienizzante per mani;
- traverse assorbenti e/o biancheria da letto idrorepellente, per proteggere le lenzuola e sentirsi quindi più sicuri; 
- biancheria intima supplementare e abiti di scorta;
- fazzolettini di carta e salviettine deumidificate;
- buste di plastica, per la conservazione di accessori usati e/o da smaltire.

 

4. L’IMPORTANZA DEL… BAGNO

Come nota finale, un accorgimento semplice ma molto pratico: fare in modo di avere un bagno sempre, facilmente a disposizione:
- mappare subito i bagni dei luoghi pubblici in cui si permarrà (spiagge, rifugi di montagna, campeggi, ecc), verificando che ve ne siano di “accessibili”
- per chi viaggia all’estero, imparare preventivamente la traduzione nella lingua locale dell’espressione “bagni pubblici”.


Infine, è sempre bene individuare, prima della partenza, i luoghi e le modalità per ricevere assistenza sanitaria nel paese in cui si viaggia.

Buona partenza!



Ebook Gratis - 23 Consigli se soffri di incontinenza 

 

Categorie: Cura e benessere

Giulia Dalla Tomba

Scritto da Giulia Dalla Tomba

Dottoressa in Infermieristica, in Santex con qualifica di Junior Product Specialist.

    
Vai allo Store Santex

Iscriviti per aggiornamenti per email

Articoli recenti